L’abolizione del bollo auto non gioverebbe proprio a tutti. Ecco perché

(Teleborsa) – Nell’ultimo periodo si parla molto della proposta di abolire il bollo auto, ma l’operazione gioverebbe a tutti?

Secondo i calcoli effettuati dalla CGIA, i 6,1 miliardi di euro di mancato  gettito dovuti all’abolizione del bollo auto verrebbero interamente compensati con un sensibile aumento delle accise sui carburanti pari a 0,16 euro al litro, penalizzando sopratutto chi utilizza l’auto per ragioni professionali, come i taxisti, gli autonoleggiatori, gli agenti di commercio e i piccoli trasportatori.

In linea generale ad avvantaggiarsene sarebbero gli automobilisti che posseggono una vettura di grossa cilindrata e percorrono mediamente pochi chilometri. A rimetterci, invece, sarebbero coloro che, indipendentemente dalla cilindrata, percorrono più di 20.000 chilometri all’anno. 

Tenendo conto che l’aumento dell’accisa comporterebbe anche un aumento del gettito IVA, l’associazione dei piccoli imprenditori ha calcolato che per un’auto a gasolio di 1.900 cc, che attualmente paga 227 euro all’anno di bollo, il proprietario perderebbe il beneficio dell’abolizione solo dopo aver percorso più di 20.000 chilometri. La stessa cosa si verificherebbe per un’auto a benzina di 1.600 cc che ora paga 199 euro di bollo auto. Con la cancellazione di quest’ultimo, il vantaggio economico si esaurirebbe con il raggiungimento dei 20.000 chilometri.

Sebbene i consumi siano più contenuti dei 2 casi precedenti, per un’auto a benzina di piccola cilindrata (1240 cc) il risparmio terminerebbe con il raggiungimento dei 15.000 chilometri all’anno, questo perché il costo del bollo auto è mediamente inferiore agli esempi analizzati in precedenza.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

L’abolizione del bollo auto non gioverebbe proprio a tutti. Ecco...