La Spagna centra la ripresa di fine anno ma senza esaltare

(Teleborsa) – L’economia della Spagna prosegue la sua lenta ma costante ripresa dopo alcuni anni di crisi profonda.

L’ultima conferma dell’attuale momento positivo della quarta economia dell’Eurozona è arrivata dal commercio al dettaglio e dai numeri sul mercato del lavoro.

Quest’ultimo ha continuato a migliorare, anche se la Spagna resta uno dei Paesi con la disoccupazione più alta in Europa.

Alla fine del 4° trimestre 2015, il tasso di disoccupazione è sceso al 20,9% rispetto al 21,18% del trimestre precedente. Il dato risulta però peggiore delle attese degli analisti che avevano stimato una discesa più contenuta al 20,05%.

Secondo l’Ufficio di Statistica iberico (INE), il numero dei senza lavoro è sceso di 71.300 unità, portando il totale dei disoccupati a 5,779 milioni.

Inoltre, il numero totale dei senza lavoro ha registrato una discesa annuale di 678.200 unità.

Da rilevare inoltre che il numero di occupati è cresciuto di 45.500 unità rispetto ai tre mesi precedenti.

Per quanto riguarda il commercio al dettaglio, a dicembre ha risalito la china dopo la debacle del mese prima che aveva interrotto una serie di rialzi consecutivi.

Sempre secondo l’INE, le vendite al dettaglio sono salite dello 0,2% rispetto al mese precedente, quando avevano mostrato un calo dello 0,6%.

Il dato tendenziale corretto degli effetti di calendario ha mostrato un incremento del 2,2%, in decelerazione rispetto al +3,3% di novembre, risulta però nettamente inferiore al 3% atteso dagli analisti.

La Spagna centra la ripresa di fine anno ma senza esaltare