La ricetta di Mossa e Garrone: “Innovazione nel risparmio e sostenibilità per andare incontro ai giovani”

(Teleborsa) – Raccontare come il mondo del risparmio, dell’impresa e delle Università si misurano con i temi dell’innovazione e della sostenibilità. Su questo si è concentrato il confronto tra l’Amministratore delegato di Banca Generali, Gian Maria Mossa, il vicepresidente esecutivo di Erg, Alessandro Garrone e il rettore dell’Università degli studi di Genova, Federico Delfino protagonisti del convegno intitolato “Risparmio ed energia, l’innovazione al servizio della sostenibilità” organizzato dalla banca del Leone.

Oltre ai temi legati al mondo dell’energia e dell’impresa e del risparmio, al centro del dialogo si è imposta l’attenzione per le politiche giovanili: tutti elementi cruciali per definire un’agenda relativa al processo di cambiamento che necessariamente passerà dalle decisioni del governo, impegnato nella gestione dei fondi del Recovery fund varato dall’Ue.

A tal proposito, l’Ad di Banca Generali Gian Maria Mossa ha spiegato: “Il segnale dato dal nuovo governo con la nomina ad esempio di due ministri come Cingolani e Colao per la transizione energetica e transizione digitale tramette il senso di urgenza su due temi cruciali anche considerando l’arrivo dei fondi europei. Le idee sulle priorità da affrontare sono chiare e c’è una visione di futuro che consente di pensare di investire sui giovani che è un altro tema fondamentale da affrontare”.

Sui giovani si è soffermato il rettore dell’Università di Genova Federico Delfino sottolineando la loro forte sensibilità: “C’è molta consapevolezza negli studenti rispetto alle sfide che dobbiamo affrontare in ambito di transizione energetica per abbandonare definitivamente un mondo alimentato da combustibili fossili per approdare ad uno basato sulle fonti rinnovabili. I nostri studenti ci fanno costantemente notare come la necessità di un cambiamento delle politiche energetiche sia decisivo. Sistematicamente presentano spunti e idee per portare avanti innovazioni in questa direzione. Questo ci fa davvero ben sperare per il futuro”.

Il vicepresidente di Erg Alessandro Garrone ha chiarito quali sono le aspettative delle imprese in questa fase complessa di uscita dall’emergenza pandemia e di progettazione del futuro: “Speriamo arrivi un impulso immediato alla transizione energetica e digitale e, guardando in prospettiva più lontana, ci auguriamo di trovare nell’esecutivo un partner di progettazione che investa in reti e infrastrutture, e in una serie di elementi che vanno programmati non ad un anno ma con un orizzonte di almeno dieci anni”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La ricetta di Mossa e Garrone: “Innovazione nel risparmio e sost...