La Germania entra in recessione: maggiore contrazione PIL da crisi 2008

(Teleborsa) – La pandemia di coronavirus ha colpito duramente l’economia della Germania. Lo conferma la lettura finale diffusa dall’Ufficio statistico federale tedesco: il PIL del 1° trimestre evidenzia una contrazione del 2,2% su base trimestrale così come previsto nella stima preliminare e atteso dal consensus. Nell’ultimo trimestre del 2019 si era registrata una crescita dello 0,2%.

Si tratta della contrazione più importante dalla crisi economica e finanziaria mondiale del 2008/2009 e la seconda riduzione più forte dall’unificazione tedesca. Un calo maggiore su base trimestrale è stato registrato solo nel 1° trimestre 2009 (-4,7%).

Anche il dato su base tendenziale conferma la prima lettura e mostra una forte discesa del 2,2% in linea con gli analisti e contro il -0,1% rilevato in precedenza.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La Germania entra in recessione: maggiore contrazione PIL da crisi 200...