L’a.d. di Boeing delinea il futuro del 737Max

(Teleborsa) – Dennis Muilenburg, amministratore delegato di Boeing, si è presentato a testa alta nella vetrina del salone aerospaziale di Parigi, consapevole di dover gestire i dubbi che aleggiano intorno al 737Max, protagonista dei due incidenti aerei che hanno provocato la morte di 346 persone e tenuto a terra questo tipo di velivolo. Appare chiaro che le due compagnie aeree che hanno subito il medesimo disastro, Lion Air e Ethiopian Airlines, non avessero richiesto il componente aggiuntivo in grado di attivare in cabina un segnale di allarme per avvertire i piloti del malfunzionamento del sistema di correzione automatica dell’assetto di volo. Ma è altrettanto chiaro, secondo quanto asserito da Muilenburg, che c’è stato un problema di comunicazione tra azienda e compagnie aeree, cosa di cui si è detto deluso perché si è dato per scontato che le informazioni fossero pervenute agli utilizzatori del 737 Max.
Il futuro è affidato a una linea di assoluta trasparenza, con la fiducia di riportare in volo l’aeromobile garantendone la sicurezza operativa. Il software che regola il sistema di correzione automatica dell’assetto di volo (Mcas) è stato sottoposto a modifiche e aggiornamenti. E l’a.d. di Boeing assicura che saranno rispettati gli standard di affidabilità che hanno caratterizzato la storia del costruttore.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

L’a.d. di Boeing delinea il futuro del 737Max