La Borsa di New York apre a due colori

(Teleborsa) – A Wall Street, il Dow Jones è sostanzialmente stabile e guadagna lo 0,27%. Sulla stessa linea, resta piatto lo S&P-500. In calo il Nasdaq 100 (-0,10%).

Gli investitori guardano con timore alle trattative in corso sui dazi. Oggi 6 settembre si chiudono le consultazioni pubbliche per l’introduzione delle nuove tariffe su 200 miliardi di beni cinesi importati dagli Stati Uniti. Nelle sale operative si guarda a una possibile evoluzione dei negoziati tra Stati Uniti e Canada sul nuovo accordo NAFTA.

Ricca la giornata dal fronte macro, che ha già visto numerosi dati sul mercato del lavoro. Crescono ma meno delle attese, gli occupati ADP nel mese di agosto. In calo i sussidi di disoccupazione. Nel secondo trimestre cresce la produttività, mentre cala il costo lavoro.

Apprezzabile rialzo nell’S&P 500 per i comparti beni industriali (+0,52%), materiali (+0,71%) e telecomunicazioni (+0,31%).

Al top tra i giganti di Wall Street, General Electric (+1,32%), United Technologies (+0,99%) e Cisco Systems (+0,84%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Chevron, che continua la seduta con -0,52%. Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Ctrip.Com International (+6,06%), Jd.Com (+3,92%), Netflix (+2,75%) e Tesla Motors (+3,01%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Micron Technology che ottiene -4,97%. Affonda Wynn Resorts, con un ribasso del 3,46%. Sotto pressione Shire, che accusa un calo del 3,46%. Scivola Asml Holding N.V. Represents, con un netto svantaggio dell’1,86%.

La Borsa di New York apre a due colori