La Borsa di Milano chiude positiva ma in coda all’Europa con debolezza banche

(Teleborsa) – Piazza Affari chiude in positivo ed in coda alle altre borse europee, che mostrano performance più interessanti, in scia all’andatura sostenuta di Wall Street dopo i positivi dati macro. A pesare sul nostro mercato ha contribuito l’andamento più incerto dei bancari, dopo le valutazioni caute espresse da S&P e il caso Carige, che rischia un flop dell’aumento di capitale.

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,177. L’Oro continua la seduta pressoché stabile, riportando una variazione pari a +0,19%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,07%.

Piccolo passo verso l’alto dello spread, che raggiunge quota 146 punti base, mostrando un aumento di 2 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari all’1,83%.

Tra i mercati del Vecchio Continente ben impostata Francoforte, che mostra un progresso dello 0,55%, senza slancio Londra, che chiude con un +0,19%, più brillante Parigi, che cresce di un +0,66%.

Il listino milanese mostra un timido guadagno in chiusura, con il FTSE MIB che ha messo a segno un +0,22%; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share fa un piccolo salto in avanti dello 0,31%, portandosi a 24.486 punti. Positivo il FTSE Italia Mid Cap (+0,93%), come il FTSE Italia Star (1,4%).

Nella Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,46 miliardi di euro, in calo di 559,3 milioni di euro, rispetto ai 3,02 miliardi della vigilia; i volumi si sono attestati a 0,74 miliardi di azioni, rispetto ai 0,93 miliardi precedenti.

Tra i 222 titoli trattati, 148 azioni hanno chiuso la sessione odierna in progresso, mentre 69 hanno chiuso in ribasso. Invariati i restanti 5 titoli.

In buona evidenza a Milano i comparti Chimico (+9,30%), Immobiliare (+3,42%) e Tecnologico (+2,02%). In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si sono manifestati nei comparti Materie prime (-1,07%) e Petrolifero (-0,86%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, acquisti a piene mani su Buzzi Unicem, che vanta un incremento del 3,18%.

Effervescente Prysmian, con un progresso del 3,01%.

Incandescente Ferragamo, che vanta un incisivo incremento del 2,20%.

In primo piano Mediaset, che mostra un forte aumento del 2,16%.

Corre Fiat Chrysler Automobiles (+1,78%) dopo i dati delle immatricolazioni auto in Europa.

Fra i più forti ribassi, invece, si segnala di nuovo Leonardo, che ha archiviato la seduta a -3,51%, dopo la doccia fredda del warning lanciato sulla trimestrale.

Seduta drammatica per le banche con Banco BPM che crolla del 2,86%, BPER del 2,72%, UBI Banca del 2,56%. Sospesa per l’intera seduta Carige in attesa di una nota.

La Borsa di Milano chiude positiva ma in coda all’Europa con debolezza banche
La Borsa di Milano chiude positiva ma in coda all’Europa con deb...