La BCE torna in scena domani. Atteso un nulla di fatto

(Teleborsa) – La BCE tornerà in scena domani con la riunione di politica monetaria, che precede di una settimana la riunione della Fed. Alla vigilia dell’appuntamento con l’Istituto di Francoforte, le probabilità di nuovi interventi espansivi sono quasi pari a zero, dopo il maxi intervento di marzo. 

L’Eurotower  dovrebbe infatti confermare la sua politica del “wait and see”, sperando di raccogliere al più presto i frutti dell’ultimo taglio dei tassi e dell’estensione del quantitative easing, non fosse altro che per tacitare i “falchi” tedeschi, sempre contrari alla politica espansiva sostenuta da Mario Draghi. 

Qualche giorno fa il Presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem aveva addirittura dichiarato che i tempi sono maturi per l’exit strategy.

In realtà, le misure adottate devono ancora esplicare gli effetti, in quanto la seconda stagione delle maxi aste (LTRO bis) prenderà il via a giugno. 

La BCE, dunque, dovrebbe continuare a monitorare la situazione economica, in una panoramica internazionale, che non vede scemare i rischi di deflazione, anche a causa della tendenza al ribasso dei prezzi dell’energia.

Anche il deprezzamento del dollaro (oggi l’euro scambia a 1,136 USD) esclude qualche sorta di intervento, segnalando che vi sono ben poche possibilità di un ritocco alla politica monetaria, in vista degli effetti negativi che l’Euro forte esercita sull’economia di Eurolandia. 

E poi c’è sempre l’inflazione che, pur avendo offerto deboli segnali di miglioramento a marzo, resta lontanissima dal target fissato dalla BCE nel suo mandato.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La BCE torna in scena domani. Atteso un nulla di fatto