La BCE alza i requisiti di capitale per le banche, ma solo un pochino

Solidità è la parola d’ordine della Banca Centrale Europea. 

L’istituto di Francoforte si vuole assicurare che le grandi banche europee siano in grado di affrontare periodi peggiori, innalzando di poco i livelli minimi di capitale da mantenere.

La decisione è stata annunciata dal capo della vigilanza della BCE, Daniele Nouy, ai parlamentari europei. “Possiamo già dire che i requisiti di capitale Pillar 2 previsti per gli istituti di credito significativi del Single Supervisory Mechanism (SSM, nuovo meccanismo di sorveglianza unico) nel 2016 sono leggermente più alti che nel 2015, in media di circa 30 punti base”, ha detto Nouy.

“Oltre al Pillar 2, i buffer phased-in richiedono circa 20 punti base di capitale aggiuntivi”, ha specificato il capo della vigilianza BCE.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La BCE alza i requisiti di capitale per le banche, ma solo un pochino