La Bank of Japan delude, Tokyo in profondo rosso

(Teleborsa) – Ultima seduta della settimana all’insegna delle vendite per le principali borse asiatiche, complice qualche presa di profitto dopo il rally della vigilia innescato dalla decisione della Federal Reserve di alzare il costo del denaro per la prima volta da dicembre del 2008. A pesare sui listini d’oriente, soprattutto sulla borsa giapponese, è stata la delusione per la decisione della Bank of Japan che ha confermato misure ultra espansive a sostegno dell’economia nipponica, ma inferiori alle aspettative degli addetti ai lavori.

A Tokyo l’indice Nikkei ha perso l’1,9% a 18.986,80 dopo essere salito fin oltre il 2% subito dopo l’annuncio della BoJ. Il più ampio Topix ha messo a segno un calo dell’1,8% a 1.537,10 punti.

Tra i mercati già chiusi Seul avanza dell’1,42% mentre Taiwan cede lo 0,75% dopo che ieri la Banca centrale ha tagliato i tassi di interesse, per la seconda volta in soli tre mesi. 

Fra le altre Borse ancora in contrattazione, Shanghai lima lo 0,03% mentre Hong Kong cede lo 0,32%. Giù Singapore dello 0,38%, così come Jakarta -1,56%, Kuala Lumpur -0,75% e Bangkok -2%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La Bank of Japan delude, Tokyo in profondo rosso