JP Morgan fra i peggiori del Dow30

In forte ribasso la società finanziaria con sede a New York, che mostra un disastroso -4,53%, risultando il peggior titolo nel paniere del Dow 30. Le azioni della banca d’affari statunitense risentono della possibilità di un nuovo slittamento del rialzo dei tassi in USA, connesso al rallentamento del mercato del lavoro americano. L’aumento del costo del denaro difatti amplierebbe i margini di profitto delle banche. 

L’andamento del colosso finanziario americano nella settimana, rispetto al Dow Jones, rileva una minore forza relativa del titolo, che potrebbe diventare preda dei venditori pronti ad approfittare di potenziali debolezze.

La situazione di medio periodo di JP Morgan resta tendenzialmente ribassista. Tuttavia, esaminando il grafico a breve, sarebbe lecito iniziare a dubitare della possibilità della fase ribassista di estendere. E’ atteso dunque un miglioramento verso l’alto della curva che incontra il primo ostacolo a 59,29 dollari USA. Supporto visto a quota 58,25. Ulteriori spunti rialzisti favoriscono un nuovo target stimato verosimilmente in area 60,33.

Le indicazioni sono da considerarsi meri strumenti di informazione, e non intendono in alcun modo costituire consulenza finanziaria, sollecitazione al pubblico risparmio o promuovere alcuna forma di investimento.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

JP Morgan fra i peggiori del Dow30