Johnson & Johnson tra i peggiori del Dow30, pesa la trimestrale

(Teleborsa) – Seduta in ribasso per Johnson & Johnson, che mostra un decremento dell’1,09%.

A pesare sul titolo sono i conti del quarto trimestre che hanno evidenziato una perdita netta di 3,99 dollari per azione a seguito di oneri eccezionali legati alla riforma fiscale voluta da Trump. L‘utile netto per azione adjusted è stato di 1,74 dollari mentre gli analisti si attendevano un EPS di 1,72 dollari. I ricavi sono stati pari a 20,2 miliardi leggermente sopra i 20,1 miliardi del consensus.

L’andamento della multinazionale americana che produce farmaci e prodotti per la cura personale nella settimana, rispetto al Dow Jones, rileva una minore forza relativa del titolo, che potrebbe diventare preda dei venditori pronti ad approfittare di potenziali debolezze.

Le implicazioni di breve periodo di Johnson & Johnson sottolineano l’evoluzione della fase positiva al test dell’area di resistenza 147,6 dollari USA. Possibile una discesa fino al bottom 145,2. Ci si attende un rafforzamento della curva al test di nuovi target 150,1.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Johnson & Johnson tra i peggiori del Dow30, pesa la trimestra...