Johnson & Johnson alza le stime dopo il bilancio migliore del previsto

(Teleborsa) – Dopo la trimestrale migliore delle attese di Morgan Stanley è un colosso farmaceutico a sorprendere in positivo gli analisti: Johnson & Johnson.

La società ha chiuso il terzo trimestre con un utile netto di 3,76 miliardi di dollari, o 1,37 dollari ad azione, in calo rispetto ai 4,27 miliardi, o 1,53 dollari ad azione, dello stesso periodo dell’anno precedente a causa di oneri non ricorrenti. Al netto di questi l’utile per azione è di 1,90 dollari e supera gli 1,80 dollari del consensus.

I ricavi sono passati da 17,8 a 19,6 miliardi di dollari (19,2 miliardi le attese), spinti dalla performance migliore delle attese della divisione farmaceutica, mentre quella dei beni di consumo è risultata in linea con le aspettative.

J&J ha migliorato l’outlook su utili e ricavi per l’intero esercizio. Il fatturato è atteso ora tra i 76,1 e i 76,5 miliardi di dollari rispetto ai 75,8-76,1 miliardi prospettati in precedenza.

Gli utili per azione sono visti invece a 7,25-7,30 dollari. In precedenza il Gruppo aveva indicato un target di 7,12-7,22 dollari.

Johnson & Johnson alza le stime dopo il bilancio migliore del ...