Italiani sempre più euroscettici: solo il 44% resterebbe in Ue

Contro una media del 66% a livello europeo. Persino la Gran Bretagna della Brexit è più europeista di noi (53%). In compenso apprezziamo la moneta unica (65%)

(Teleborsa) Dopo il terremoto Brexit sono stati in tanti a interrogarsi, in una sorta di contagioso effetto domino, rispetto alla convenienza di restare in Europa e, di riflesso, su una eventuale uscita, ovviamente con le conseguenze annesse. Un lungo elenco di pro e contro per un dibattito che infiamma e tiene banco ormai da mesi anche alla luce dei venti sempre più gelidi che soffiano tra Italia ed Ue.

FAVOREVOLI ALL’EURO, MENO ALL’UE – Cosa pensano gli italiani? Favorevoli all’euro, ma poco convinti che appartenere all’Unione europea sia davvero vantaggioso.  Numeri alla mano, infatti, il 65% degli italiani si dichiara favorevole all’euro, dunque, non è la moneta unica a essere in discussione, eppure, in caso di referendum sulla falsariga di quello della Brexit, solo il 44% si esprimerebbe per restare nell’Ue, contro una media del 66% a livello europeo: in pratica, siamo i meno convinti dei benefici dell’appartenenza all’Unione. Lo dice un sondaggio di Eurobarometro. Il nostro è il dato più basso dei 28 Stati membri, anche a fronte dei britannici, dove allo stato attuale il 53% si esprime per il “remain”. La fetta di indecisi nel nostro paese  è pari al 32%, anche qui registriamo la percentuale più alta nell’Unione.

Insomma, non tira ancora aria di Ital-exit, perché la percentuale di indecisi è molto alta, tuttavia è il segnale, da tenere in seria considerazione, di uno scricchiolio piuttosto evidente visto che gli italiani sono sempre meno convinti che il proprio Paese abbia tratto benefici dall’appartenenza all’Unione.

PARLAMENTO EUROPEO PROMOSSO – Un terzo (32%) degli europei ha un’opinione positiva sul Parlamento europeo, un quinto (21%) esprime un parere negativo e una maggioranza relativa (43%) resta neutrale, rivela ancora il sondaggio in base al quale, inoltre, il 48% degli intervistati vorrebbe che l’Ue svolgesse un ruolo più significativo in futuro, mentre il 27% preferirebbe fosse ridimensionato.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Italiani sempre più euroscettici: solo il 44% resterebbe in Ue