Italiani e risparmio, conti deposito: importi depositati mai così alti

Il clima di fiducia allunga la durata dell’investimento: il 16,9% dei depositi è per una durata maggiore di 36 mesi

(Teleborsa) In tempo di crisi, la gestione dei propri risparmi è pratica tanto necessaria quanto delicata. Ma si sa, gli italiani, più che cicale, sono notoriamente popolo di formichine. Anche per questo motivo, negli ultimi anni, abbiamo assistito a una vera e propria crescita boom, del 44% inerente alle somme investite dagli italiani nei conti deposito. Secondo recenti dati, in un decennio si è infatti passati da circa 400 miliardi a 578 miliardi di euro ripartiti nei vari conti deposito. Un dato che evidenzia la grande fiducia degli italiani in questi strumenti finanziari.

Ma vediamo la situazione nel dettaglio grazie ai dati resi noti dall’Osservatorio sui conti deposito e sui conti correnti elaborati da ConfrontaConti.it su dati aggiornati al 31 marzo 2018.

Conti deposito: aumenta la domanda, si riduce il rendimento – È questo uno dei meccanismi che ha portato nell’ultimo anno i conti deposito a garantire interessi sempre minori, ma ad accrescere la loro popolarità presso le famiglie italiane.
Importi depositati mai così alti – È il valore più alto della serie dal 2010, quello che vede il 33,1% dei conti con un importo depositato superiore ai 50.000 euro.

Vincolare un conto deposito è la maniera migliore per ottenere un rendimento, perché altrimenti con la disponibilità delle somme i guadagni diventano veramente bassi. La fiducia riacquistata fa sì allora che aumenti la percentuale di depositi vincolati, ora al 76% contro il 53,8% del secondo semestre 2017.

IL CLIMA DI FIDUCIA ALLUNGA LA DURATA DELL’INVESTIMENTO – La stessa fiducia porta ad allungare la durata dell’investimento. Il 16,9% dei depositi è per una durata maggiore di 36 mesi, quando lo scorso semestre la stessa durata era il 6,1%. Comunque una grande percentuale di conti deposito, il 42,5%, ha una durata dai 7 ai 12 mesi e il 10,3% dai 13 ai 24 mesi.
TARGET PIU’ MATURO – I conti deposito sono il prodotto ideale per un risparmiatore che non vuole rischiare niente e vuole un investimento che non intacchi il capitale. Il 46,8% dei titolari di conti è over 55 (era il 44,2% lo scorso semestre), il 33,5% ha dai 41 ai 55 anni. Solo il 17,6% ha tra i 26 e i 40 anni.

Sul fronte conti correnti, sono sempre più risparmiatori maturi che prendono dimestichezza con il digitale, tanto da far crescere costantemente la richiesta di conti online. Gli utenti tra i 41 e i 55 anni sarebbero cresciuti in questa prima parte dell’anno di un punto percentuale (53,6%) mentre quelli over 55 recuperano rispetto al secondo semestre 2017 lo 0,8%, tanto che ora chi preferisce un conto online è il 44,8% sul totale del campione.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Italiani e risparmio, conti deposito: importi depositati mai così&nbs...