Italia prova a ripartire, scatta la Fase Due

(Teleborsa) – Tornano a lavoro circa 4,5 milioni di italiani, si riattivano i trasporti pubblici, riaprono i parchi e, più in generale, si allentano le maglie delle restrizioni, ovviamente spostamenti consentiti sempre “per validi motivi e nella propria Regione: scatta ufficialmente oggi, lunedì 4 maggio, l’attesa “Fase 2” che segna la ripartenza, seppur graduale, per il nostro Paese. La strategia messa a punto dal Governo è la sintesi delle richieste arrivate da più parti dopo lo stop completo alle attività non essenziali che è rimasto in vigore dallo scorso 10 marzo fino a ieri, con annesse restrizioni.

L’imperativo categorico però resta ancora prudenza visto che non siamo affatto fuori dall’emergenza e che un passo falso ora rischierebbe di riportarci indietro di due mesi, uno scenario da evitare a tutti i costi, come ha più volte sottolineato il Presidente del Consiglio Conte nel ribadire che “comincia una fase di convivenza con il virus, serve responsabilità”.

I dati del bollettino diffuso ieri dalla Protezione Civile che confermano segnali di miglioramento come calo dei ricoverati e persone in isolamento domiciliari, registrano ancora 174 morti .

Tra le principali novità a partire da oggi, la possibilità di far visita ai propri congiunti (categoria dalla quale sono escusi gli amici, come ha precisato Palazzo Chigi) che vivono nella stessa Regione, e la riapertura di parchi e giardini pubblici, “nel rispetto delle prescrizioni sanitarie ed evitando comunque gli assembramenti. Diventa obbligatorio poi l’uso della mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, come mezzi di trasporto ed esercizi commerciali. No agli spostamenti nelle seconde case.

Le Regioni, però, non sono però tutte allineate. Ognuna ha redatto ordinanze ad hoc per il proprio territorio.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Italia prova a ripartire, scatta la Fase Due