Italia protagonista a New York per la sostenibilità dei porti

(Teleborsa) – Il progetto ‘Logistics of the future in Sustainable Smart Ports’, che vede tra i protagonisti Fondazione Eni Enrico Mattei, Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, Consorzio Nazionale Interuniversitario delle Telecomunicazioni (CNIT), Ericsson Italia e TIM, è tra le 10 solution initiatives di eccellenza che saranno presentati al Global Solutions Forum organizzato dal Network per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (SDSN).

L’evento, che si svolgerà durante la UN Climate Week, riunisce i principali esperti di sostenibilità e si pone l’obiettivo di condividere i migliori progetti locali focalizzati sui 17 obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Il team italiano ha il merito di aver definito un modello innovativo per la valutazione dell’introduzione di nuove tecnologie, in particolare il 5G, nei processi portuali per comprendere l’impatto della trasformazione digitale e le connessioni con lo Sviluppo Sostenibile dettato dall’Agenda 2030. Il modello si basa sull”SDSN Italia SDGs City Index‘, sviluppato dai ricercatori della Fondazione Eni Enrico Mattei – hosting Institution di SDSN Italia -, un indicatore composito riferito alle città italiane, che fornisce il grado di implementazione dei Sustainable Development Goals (SDGs) nei comuni-capoluogo di provincia del nostro Paese. Si è deciso di declinare oltremodo questo modello di analisi adattandolo alla realtà portuale del comune di Livorno e considerando la trasformazione digitale abilitata dal 5G come motore principale sia per la valutazione delle prestazioni portuali, che per il perseguimento di uno sviluppo sostenibile tout court.

Paolo Carnevale, Direttore esecutivo della Fondazione Eni Enrico Mattei, commenta: “Raggiungere lo sviluppo sostenibile significa capire quali siano le esigenze di un territorio, conoscerlo e studiarlo. Per fare questo, l’unico modo è permettere alla ricerca di collaborare in modo sinergico con attori e settori diversi, riconoscendo la centralità delle ‘Partnerships for the goals’ e il potenziale del progresso tecnologico, senza rincorrerlo o temerlo.”

Rossella Cardone, Head of Sustainability and Corporate Responsibility, Europa e America Latina di Ericsson, commenta: “Nel porto di Livorno, le reti 5G e le soluzioni IoT hanno tutto il potenziale per ottimizzare le operazioni logistiche, aumentando l’efficienza e la competitività del territorio, contribuendo nel contempo alla riduzione delle emissioni e al miglioramento della sicurezza sui luoghi di lavoro. Sia il 5G che l’approccio ‘Partnerships for the goals’ hanno avuto un ruolo importante nel progetto, determinando una riduzione potenziale di CO2 dell’8,2%.”

Antonella Querci, Dirigente Direzione Sviluppo, Programmi europei ed Innovazione – Autorità di Sistema portuale del Mar Tirreno settentrionale, commenta: “Il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile passa attraverso un sempre maggiore controllo dei processi e conoscenza delle effettive condizioni operative. Questo è particolarmente vero per i porti, realtà complesse in cui funzioni industriali, logistiche e connesse alla produzione di energia sono intrecciate e interdipendenti.”

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Italia protagonista a New York per la sostenibilità dei porti