ITA, Lazzerini: “Fondamentale avere un’alleanza. Stiamo discutendo con Air France-KLM e Lufthansa”

(Teleborsa) – “Una compagnia che parte adesso, ma anche una compagnia che già esiste in un mercato delle dimensioni di quello italiano, difficilmente può esistere se non sta in una grande alleanza“. Ne è convinto l’amministratore delegato di ITA Fabio Lazzerini, che nel corso di un’audizione al Senato sul piano industriale di Italia Trasporto Aereo, la newco di Alitalia, ha ribadito di stare portando avanti discussioni con i gruppi Air France-KLM e Lufthansa.

Stringere accordi “non vuol dire farsi comprare o fare accordi industriali – ha spiegato Lazzerini – ma sicuramente il destino di una compagnia come la nostra è stare in un’alleanza”. L’AD di ITA ha descritto i gruppi Air France-KLM e Lufthansa come, rispettivamente “un gruppo che ha una relazione di antica data con la nostra compagnia” e il gruppo “che negli ultimi anni ha mostrato grande interesse nei confronti della nostra compagnia”. Con entrambi il dialogo è iniziato “partendo da un foglio di carta bianco” e, se di dovesse raggiungere un accordo, “inizialmente sarà una partnership commerciale, in futuro potrebbe diventare, quando ITA sarà più robusta e in grado di generare profittabilità, anche più stretta”, ha detto Lazzerini.

Per quanto riguarda il mercato in cui ITA si muoverà, l’amministratore delegato ha spiegato che il focus sarà “sui mercati naturali del nostro Paese, che sono quello europeo, ovviamente quello domestico e alcuni importanti a livello intercontinentali, come il Nord America“. Lazzerini ha aggiunto che ci sarà un presidio dei segmenti premium, pur essendo consapevole che “per due anni saranno quelli che soffriranno di più”, la “protezione del mercato inboud” e il “mantenimento della competitività sui segmenti price-sensitive, che non possiamo perdere”.

Parlando del processo che sta portando alla nascita della nuova compagnia e alla definizione dei suoi obiettivi, Lazzarini ha sottolineato quella che per lui è una discontinuità importante con il passato: “Abbiamo fortemente voluto che il piano fosse sviluppato dal management dell’azienda insieme agli advisor e non viceversa. Non è un semplice scambio di termine, ma un principio più profondo: si vuole responsabilizzare il management ed è giusto che sia il management a sviluppare il piano per una volta nella storia della compagnia di bandiera“.

Dopo una rapida introduzione del Presidente di ITA, Francesco Caio, e la relazione di Lazzerini, non c’è stato molto tempo per le domande dei senatori, che hanno proposto un’ulteriore audizione nel prossimo futuro. “Bene la consapevolezza del ruolo del management e bene che sui livelli occupazionali si parli di un piano di assunzioni”, ha commentato la senatrice Giulia Lupo (M5S) all’ANSA dopo l’audizione. “A livello occupazionale sono molto preoccupata, ma per quello che vedo, loro non parlano solo di ridimensionamento della compagnia ma ragionano andando di pari passo con le necessità di mercato. Non si parla di esuberi: si parte da quello che già c’è in termini di operativo e poi c’è un piano di assunzioni, che a fine piano riporta più o meno ai numeri attuali”, spiega la senatrice, che ha apprezzato anche “la consapevolezza della necessità di un’alleanza. Finalmente. La soluzione non poteva essere lo stand-alone”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

ITA, Lazzerini: “Fondamentale avere un’alleanza. Stiamo di...