Istat stima PIL 1° trimestre a -4,7%

(Teleborsa) – Giù il PIL Italiano nel 1° trimestre, che fa segnare un -4,7%, a causa degli effetti indotti dall’emergenza coronavirus sull‘attività economica in lockdown.

Secondo la stima preliminare pubblicata dell‘Istat, il PIL ha subito una contrazione di “entità eccezionale” a causa del calo marcato e diffuso di tutte le attività economiche, particolarmente rilevante per l’industria e il terziario. Su base tendenziale si registra una contrazione del 4,8%.

Il primo trimestre del 2020 ha avuto lo stesso numero di giornate lavorative rispetto al trimestre precedente e una giornata lavorativa in più rispetto al primo trimestre del 2019.

La variazione congiunturale è la sintesi di un a diminuzione del valore aggiunto in tutte le principali componenti produttive. Dal lato della domanda, vi sono ampi contributi negativi sia della componente nazionale (al lordo delle scorte), sia della componente estera netta.

La variazione acquisita per il 2020 è pari a -4,9%.

La stima preliminare del PIL – avverte l’Istituto di statistica – risente degli ostacoli posti dall’emergenza sanitaria in corso alla raccolta dei dati di base, che costituiscono l’input per l’elaborazione dei conti nazionali. Sono state sviluppate azioni correttive che ne hanno contrastato gli effetti statistici e hanno permesso di elaborare e diffondere i dati relativi al primo trimestre 2020. Come di consueto, la stima rilasciata oggi sarà oggetto di revisione nelle prossime diffusioni, man mano che si renderanno disponibili ulteriori fonti informative, ma queste revisioni potrebbero rivelarsi di entità superiore alla norma.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Istat stima PIL 1° trimestre a -4,7%