Istat, deficit sale al 5,2% nel 4° trimestre. Giù consumi e potere d’acquisto famiglie

(Teleborsa) – E’ cresciuta nel 4° trimestre l’incidenza del deficit sul PIL, a causa della riduzione delle entrate e del consistente aumento delle uscitev causato dalle misure a sostegno di famiglie e imprese durante la pandemia. L’indebitamento è passato al 5,2% del PIL dall’1,9% dell’anno precedente, confermando il trend di crescita dei nove mesi precedenti.

Il saldo primario delle Amministrazioni pubbliche (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato negativo, con un’incidenza sul Pil del -1,9% (+5,2% nel quarto trimestre del 2019), mentre il saldo corrente delle AP è stato positivo, con un’incidenza sul Pil dell’1,5% (+5,6% nel quarto trimestre del 2019).

La pressione fiscale è cresciuta di 1,3 punti portandosi al 52%, nonostante la riduzione delle entrate fiscali e contributive. Giù il reddito disponibile delle famiglie, che registra una diminuzione dell‘1,8% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi finali sono scesi del 2,5% e la propensione al risparmio si è portata al 15,2% (+0,5 punti).

E’ diminuito anche il potere d’acquisto delle famiglie (-2,1%) a fronte di un incremento dello 0,2% del deflatore implicito dei consumi.

La quota di profitto delle società non finanziarie, pari al 43,6%, è rimasta stabile rispetto al terzo trimestre del 2020. Il tasso di investimento delle società non finanziarie è aumentato di 0,6 punti al 21,6%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Istat, deficit sale al 5,2% nel 4° trimestre. Giù consumi e potere d...