Isis, il giro d’affari va a gonfie vele. Incassi per 80 milioni di dollari al mese

(Teleborsa) – La maggior parte dei finanziamenti dello Stato Islamico proviene dalla tassazione dell’attività economica nei territori sotto il suo controllo e da confische. 

E, i guadagni di cui sta disponendo l’Isis, in questa ultima parte del 2015, ammontano a circa 80 milioni di dollari, al mese.

E’ quanto emerge da uno studio rilasciato dalla società IHS secondo cui gli introiti sopra citati rappresentano il 50% dei proventi. Un altro 43% proviene invece dal traffico di petrolio mentre il resto deriva dal business legato a droga, vendita di elettricità e donazioni.

“A differenza di al-Qaeda – sottolineano gli esperti – lo Stato islamico non dipende dai soldi di donatori stranieri, questo per evitare di essere vulnerabili alla loro influenza”, ha detto Columb Strack, senior analyst di IHS. “La nostra analisi indica che il valore delle donazioni esterne allo Stato Islamico è minima, rispetto ad altre fonti di reddito.”

Isis, il giro d’affari va a gonfie vele. Incassi per 80 milioni di dollari al mese
Isis, il giro d’affari va a gonfie vele. Incassi per 80 milioni ...