Intesa Sanpaolo rispetta requisiti patrimoniali fissati dalla BCE

(Teleborsa) – Intesa Sanpaolo ha ricevuto la decisione finale della BCE riguardante il requisito patrimoniale da rispettare a partire dal 1° marzo 2019 a livello consolidato, a seguito degli esiti del Supervisory Review and Evaluation Process (SREP).

Lo fa sapere lo stesso istituto guidato da Carlo Messina spiegando che il requisito patrimoniale da rispettare complessivamente in termini di Common Equity Tier 1 (CET1) ratio risulta pari a 8,96% secondo i criteri transitori in vigore per il 2019 e a 9,33% secondo i criteri a regime.

I coefficienti patrimoniali di Intesa Sanpaolo a livello consolidato al 31 dicembre 2018, tenendo conto di circa 3,4 miliardi di euro di dividendi proposti per l’eesercizio 2018, risultano pari a 13,5% per il Common Equity Tier 1 ratio e 17,7% per il Total Capital ratio calcolati applicando i criteri transitori in vigore per il 2018. I coefficienti diventano 13,6% per il Common Equity Tier 1 ratio pro-forma a regime e 18% per il Total Capital ratio pro-forma a regime.

(Foto: © Roman Babakin/123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Intesa Sanpaolo rispetta requisiti patrimoniali fissati dalla BCE