Intesa Sanpaolo partecipa al Fondo Atlante

(Teleborsa) – Il Consiglio di Gestione e il Consiglio di Sorveglianza di Intesa Sanpaolo , riunitisi oggi, hanno approvato – secondo le rispettive competenze – la partecipazione della Banca a una soluzione strutturale alla significativa entità dei crediti in sofferenza del sistema bancario italiano, derivante dalla grave fase recessiva che ha colpito l’economia del Paese e dai lunghi tempi di recupero di tali crediti, che conducono gli operatori specializzati nell’investimento in questa tipologia di attività a offrire prezzi di acquisto ampiamente a sconto.

Nel quadro di tale soluzione, Intesa Sanpaolo parteciperà alla costituzione del fondo di investimento alternativo Atlante – gestito da Quaestio Capital Management, SGR autonoma – con una quota massima compresa tra 800 milioni e un miliardo di euro, a fronte di una dotazione di capitale complessiva di Atlante compresa tra 4 e 6 miliardi di euro, proveniente dalle banche e da investitori privati.

Almeno il 30% dei fondi di Atlante, integrato da quanto non impiegato in interventi sul capitale di banche individuate entro il 30 giugno 2017, sarà destinato all’acquisto di tranche junior da veicoli di cartolarizzazione di crediti in sofferenza provenienti da una pluralità di banche, anche da Intesa Sanpaolo, e altri asset collegati.

Intesa Sanpaolo partecipa al Fondo Atlante
Intesa Sanpaolo partecipa al Fondo Atlante