Intesa Sanpaolo, Mezzomo: misure BCE non bastano, tocca ai governi

(Teleborsa) – “Come ci aspettavamo, la BCE ha lanciato un pacchetto di misure più mirato di quanto i mercati si attendessero. Niente taglio dei tassi, ma in compenso la BCE ha annunciato diverse misure per rafforzare l’offerta di credito all’economia. L’APP cresce di 120 miliardi nel 2020, le condizioni del programma TLTRO III sono state rese più favorevoli, sono state annunciate nuove operazioni LTRO e, infine, le banche saranno autorizzate a operare sotto i limiti di capitale e liquidità previsti”. Così Luca Mezzomo, Responsabile ricerca Macroeconomica Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo sulla riunione odierna della Banca centrale europea.

La BCE – aggiunge Mezzomo – ha anche detto che “dobbiamo attenderci la liberazione della riserva di capitale anticiclica (CCyB) da parte delle autorità nazionali. Come ha ricordato la presidente Lagarde, l’intervento più importante nelle attuali circostanze è quello fiscale. Soltanto una reazione energica su tale fronte può ridurre l’incertezza dello scenario e condurre anche a una stabilizzazione dei mercati”.

(Foto: © Roman Babakin/123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Intesa Sanpaolo, Mezzomo: misure BCE non bastano, tocca ai governi