Intesa, Gros-Pietro: “Operazione con UBI non precluderà nascita terzo polo”

(Teleborsa) – “L’operazione di mercato avviata da Intesa Sanpaolo su UBI Banca non intende precludere la nascita di un terzo competitore sul mercato italiano”.

Lo scrive il presidente di Intesa Sanpaolo, Gian Maria Gros-Pietro, in una lettera inviata al Corriere della Sera, ricordando che, in caso di successo dell’Ops, il Gruppo si è impegnato a cedere a Bper 532 sportelli della nuova realtà “per evitare posizioni lesive della concorrenza e del mercato”.

In questo modo Bper – prosegue Gros-Pietro – “avrà più filiali di UBI e una quota più elevata nella raccolta e negli impieghi di quella attuale detenuta dalla stessa Ubi”.

In merito alla posizione di leadership di Intesa Sanpaolo in Italia e “la presunta anomalia in rapporto agli altri Paesi europei, vorrei far notare che i principali mercati dell’area euro presentano operatori bancari leader con quote di mercato in linea o superiore a quella che avrebbe la nuova realtà formata da Intesa Sanpaolo e Ubi Banca, pari a circa il 19% sui depositi e circa il 21% sui prestiti dopo la cessione delle 532 filiali a Bper”.

In Francia, continua il presidente di Inteas, “Crédit Agricole ha una quota di mercato del 27% sui depositi e del 37% sui mutui. In Spagna il Banco Santander detiene il 20% circa, sia sui depositi sia sui prestiti. In Olanda – conclude Gros-Pietro – la prima banca, Rabobank, controlla una quota di mercato del 33% sui depositi e del 21% sui mutui”

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Intesa, Gros-Pietro: “Operazione con UBI non precluderà nascita...