Inps quantifica impatto Covid su domande Cassa integrazione

(Teleborsa) – Nel mese di maggio 2020 sono state autorizzate 871,1 milioni di ore di Cassa integrazione. Il 99% delle ore di Cig sono state autorizzate con causale “emergenza sanitaria Covid-19” e si riferiscono ancora al decreto Cura Italia. È quanto rilevato l’Inps. L’incremento è stato del 3301,9% (a maggio 2019 erano state autorizzate 8,6 milioni di ore).

Le ore di cassa integrazione ordinaria autorizzate a maggio 2020 sono state 224,1 milioni e si riferiscono quasi interamente alla causale “emergenza sanitaria Covid-19” (ad aprile erano state autorizzate 713 milioni di ore: di conseguenza, la variazione congiunturale è del -68,6%). A maggio 2019 erano state autorizzate 8,6 milioni di ore.

Il numero di ore di cassa integrazione straordinaria autorizzate a maggio 2020 è stato pari a 17,6 milioni, di cui 2,4 milioni per solidarietà, registrando un incremento pari al 6,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, che registrava 16,5 milioni di ore autorizzate.

Nel mese di maggio 2020 rispetto al mese precedente si registra una variazione congiunturale pari al +41,4%.

Gli interventi in deroga sono stati pari a 231 milioni di ore autorizzate a maggio 2020. La variazione congiunturale registra nel mese di maggio 2020 rispetto al mese precedente un incremento pari al 392,8%. A maggio 2019 le ore autorizzate in deroga erano state circa 31 mila.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Inps quantifica impatto Covid su domande Cassa integrazione