INPS, crollano le nuove pensioni, -35% nei primi tre mesi

(Teleborsa) – Nel primo trimestre dell’anno le nuove pensioni liquidate dall’INPS hanno registrato una contrazione rispetto allo stesso periodo di un anno fa, per effetto dell’adeguamento dei requisiti di età ed anzianità all’incremento di quattro mesi della speranza di vita registrato dall’Istat. 

Lo rende lo stesso Istituto di Previdenza secondo cui le nuove pensioni sono scese del 34,5% a poco più di 95 mila rispetto ai circa 145 mila del 2015. 

Il dato, rilevato nell’ultimo Osservatorio INPS sui flussi di pensionamento, attribuisce il crollo dei nuovi trattamenti di liquidazione anche all’entrata in vigore, nel corso del 2015, dei nuovi requisiti di pensionamento per le donne, che prevedono un ulteriore incremento del requisito di età richiesto per la pensione di vecchiaia pari a 18 mesi per le lavoratrici dipendenti e 1 anno per le lavoratrici autonome.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

INPS, crollano le nuove pensioni, -35% nei primi tre mesi