Innovazione, green ed export “vaccino” anti Covid

(Teleborsa) – “Un macigno che pesa su imprese e cittadini per 31 miliardi di euro”. Lo ha detto il Presidente di Confcooperative, Maurizio Gardini, che dal palco dell’Assemblea nazionale “Costruttori di bene comune”, spiega che la burocrazia “porta via alle imprese oltre 6 settimane per i 14 principali adempimenti fiscali”.

Confcooperative propone un “disboscamento” e “riordino” delle innumerevoli leggi vigenti. “Un esempio su tutti è il Codice degli appalti – dice Gardini – la cui modifica deve essere fatta nel segno della semplificazione. Perchè nelle maglie intricate delle leggi e dei provvedimenti è più facile nascondere illeciti”.

Vanno poi regolarizzati i tempi di pagamento della Pubblica Amministrazione: “Sono stati fatti dei progressi, ma ammonta a oltre 50 miliardi di euro lo stock dei debiti nei confronti delle imprese che continuano a fare da banca allo Stato. In alcune zone del Sud, i ritardi arrivano a 18 mesi. Negli ultimi dieci anni sono almeno 100mila le imprese fallite a causa dei ritardati pagamenti”.

Lo “sblocca cantieri”, aggiunge ancora, è la “prima leva” per riattivare l’economia e accompagnare il Paese e le imprese verso la ripresa. “Abbiamo opere ferme per almeno 40 miliardi che vanno sbloccate il prima possibile – dice il Presidente di Confcooperative – sottolineando che il “Recovery fund mette a disposizione risorse irripetibili che non vanno dilapidate, ma investite per gettare le basi di uno sviluppo durevole. Abbiamo un Sud isolato sia per i trasporti sia per la connessione digitale, ma abbiamo molti Sud anche a Nord. C’è poi la messa in sicurezza dei territori. I danni da eventi climatici estremi, se non invertiamo la rotta, rischiano di pesare entro il 2050 fino al 10% del PIL”.

Poi l’allarme. “Con oltre 3 milioni di lavoratori irregolari o in nero e 2,8 milioni di working poor l’Italia rischia 6 milioni di pensionati poverissimi entro 20-30 anni”, dice Gardini sottolineando che “il Paese ha una bomba sociale da disinnescare”.

Per questo Confcooperative rinnova al Governo di “investire sulle imprese virtuose che generano lavoro dignitoso, riducendo ulteriormente il cuneo fiscale che pesa circa il 10% in più della media OCSE. Libererebbe – dice – nuove risorse per le imprese e lascerebbe più soldi in tasca ai lavoratori con un effetto positivo sui consumi interni”.

Per il Presidente “occorrono nuove misure di contrasto e di coinvolgimento in politiche attive che non possono essere individuate nel solo reddito di cittadinanza. Un Paese con 23 milioni di lavoratori, 16 milioni di pensionati, 10 milioni di poveri e 10 milioni di studenti ha molte cose da riequilibrare”.

“La modernità di questo Paese si misura anche con un codice tributario che renda più certo, equo, razionale e trasparente il rapporto con cittadini e imprese. Per la sostenibilità va promossa una fiscalità ecologica europea, ma l’Italia deve sopprimere plastic e sugar tax”, conclude Gardini che indica la via della ripresa: “innovazione, sostenibilità ambientale ed export sono il vaccino del sistema imprenditoriale italiano post Covid-19″.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Innovazione, green ed export “vaccino” anti Covid