Infrastrutture, parola d’ordine semplificare e sburocratizzare

(Teleborsa) – Nei primi otto mesi dell’anno “abbiamo avuto un numero di opere e cantieri molto più elevato che nel 2019″. Lo ha sottolineato il Ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli, intervenendo all’Assemblea di Confcooperative aggiungendo che “abbiamo incrociato decisione politica e semplificazione amministrativa“. Sui cantieri bloccati ha ribadito che la burocrazia non è la prima ragione, ma che spesso alla base ci sono scelte e no della politica.

“Il punto su Liguria e Piemonte sarà affrontato nel prossimo Consiglio dei Ministri per la dichiarazione dello stato di emergenza”, ha proseguito sottolineando che “c’è una procedura molto veloce su questo tema non ho una delega specifica. Ovviamente in un paio di situazioni ci sono strade di competenza Anas e stiamo già producendo una serie di informazioni agli enti locali per avviare gli interventi. Il punto delle alluvioni e del dissesto idrogeologico, di competenza del Ministro Sergio Costa, rimane questione fondamentale del Paese. Gli interventi sulle infrastrutture programmati saranno una risposta in parte ai problemi. Non potranno essere la risposta a tutti i problemi”.

Sul nuovo decreto immigrazione, approvato ieri, la Ministra ha parlato di “grande risultato di questa maggioranza, una promessa mantenuta”. Partecipando all’assemblea, la rappresentante del Governo ha detto che “viene ripristinata una condizione di corretta gestione sia delle questioni sulla sicurezza urbana che di quelle che riguardano i migranti. E’ uno dei tasselli del programma di Governo che abbiamo realizzato e più saremo in grado di realizzare ciò che diciamo e più il cambio di passo sarà evidente“.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Infrastrutture, parola d’ordine semplificare e sburocratizzare