Inflazione zero a dicembre. Il 2015 in frenata per il terzo anno consecutivo

(Teleborsa) – Resta al palo l’inflazione in Italia, che mostra una crescita zero a dicembre, risentendo soprattutto del crollo dei prezzi del petrolio e dei beni energetici. Resta così alto il rischio deflazione, che colpisce in misura minore l’Eurozona. 

Secondo l’Istat, l’indice dei prezzi al consumo a dicembre ha registrato una variazione nulla rispetto al mese precedente, che risulta sotto le attese degli analisti che indicavano un aumento dello 0,1%. Nello stesso mese si è anche registrato un aumento dello 0,1% su anno, inferiore allo 0,2% atteso dagli analisti. 

La stabilità dell’inflazione a dicembre 2015 è dovuta al bilanciarsi di spinte contrapposte: da una parte l’accelerazione della crescita dei prezzi dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+0,9% da +0,6% di novembre) e l’ulteriore riduzione dell’ampiezza della flessione dei prezzi dei Beni energetici non regolamentati (-8,8%, da -11,2% di novembre); dall’altra l’inversione della tendenza dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (-1,7%, da +0,6% di novembre) e il rallentamento della crescita di quelli degli Alimentari non lavorati (+2,2%, da +3,2%).

Nel 2015 l’inflazione rallenta per il terzo anno consecutivo, portandosi a +0,1% da +0,2% del 2014. Invece l’inflazione di fondo, calcolata al netto degli alimentari freschi e dei prodotti energetici, si conferma a +0,7%.

I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto, il cosiddetto carrello della spesa, segnano un -0,2% su base mensile e sono fermi su base annua (era -0,1% a novembre).

Nel mese di dicembre 2015, sulla base delle stime preliminari, l’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) diminuisce dello 0,1% su base mensile e aumenta dello 0,1% su base annua (da +0,2% di novembre). Il tasso di crescita medio annuo relativo al 2015 è pari a +0,1%, (da +0,2% del 2014).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Inflazione zero a dicembre. Il 2015 in frenata per il terzo anno conse...