Inflazione, UNC: “Stangata a Bolzano, Reggio Emilia e Trento. Roma città più virtuosa”

(Teleborsa) – Con un’inflazione pari a +2,1% e la maggior spesa aggiuntiva, equivalente, per una famiglia media, a 668 euro, Bolzano è in testa alla classifica dei capoluoghi e delle città con più di 150 mila abitanti più care d’Italia, in termini di aumento del costo della vita, stilata dall’Unione Nazionale Consumatori sulla base dei dati Istat diffusi oggi.

Al secondo posto Reggio Emilia dove il rialzo dei prezzi dell’1,6% determina un incremento annuo di spesa pari a 427 euro, segue Trento, dove il +1,8% comporta una spesa supplementare, per una famiglia tipo, pari a 420 euro.

Tra le città più virtuose figurano, a causa della crisi, quelle simbolo del turismo. Roma è in testa alla classifica, con un una spesa aggiuntiva di 130 euro per una famiglia tipo, al terzo posto Milano dove, per la mancanza di convegni, fiere, congressi, grandi eventi fieristici e convention aziendali si ha un’inflazione dello 0,5%, pari a Roma, la più bassa registrata, e un incremento di spesa di 145 euro. Firenze e Venezia, città d’arte per eccellenza, sono, rispettivamente, in quarta (+0,6%, pari a +165 euro) e in ottava posizione (+0,7%, equivalenti a +187 euro annui).

In testa alla classifica delle regioni più costose, con un’inflazione a +2%, il Trentino Alto Adige che registra a famiglia, un rialzo medio pari a 542 euro su base annua. Segue la Basilicata, dove l’inflazione al 2% implica un aumento del costo della vita pari a 399 euro, terza l’Emilia Romagna (+1,4%), con un rincaro annuo, per la famiglia tipo, di 369 euro.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Inflazione, UNC: “Stangata a Bolzano, Reggio Emilia e Trento. Ro...