Inflazione, record dei prezzi di frutta e verdura

(Teleborsa) – Risalgono i prezzi al consumo in Italia.

A spingere l’inflazione di gennaio l’effetto maltempo che ha portato a un aumento record del 20,4% dei prezzi dei vegetali freschi e del 7,3% della frutta. Dati che si confrontano con lo stesso mese dello scorso. Il gelo e la neve infatti hanno decimato le coltivazioni agricole. Questa l’analisi della Coldiretti in merito ai dati definitivi sull’inflazione diffusi stamani dall’ISTAT. Il valore tendenziale raggiunto a gennaio dell’1%, infatti è al top da tre anni e mezzo (agosto 2013).

L’aumento dei prezzi ortofrutticoli a gennaio è consistente pure rispetto a dicembre con un rincaro del 14,6% anche se – sottolinea la Coldiretti – nel mese di febbraio si sta registrando un rapido ritorno alla normalità nei mercati.

Con l’andamento dell’inflazione a gennaio sono stati stravolti i consumi alimentari degli italiani con un balzo negli acquisti del 14% di carne bovina, del 10% di salumi e dell’8% di carne di maiale. Ma ad aumentare è anche la presenza nel carrello dei prodotti a lunga conservazione come i surgelati, dal +14% per i vegetali a +11% per il pesce.  In salita pure i preparati per dolci (+30%), purè (+13%), brodi (6%) e legumi secchi (4%).
 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Inflazione, record dei prezzi di frutta e verdura