Industria, Istat: prezzi in caduta, minimi da 4 anni

(Teleborsa) – A marzo, per il terzo mese consecutivo, i prezzi alla produzione dell’industria registrano una diminuzione congiunturale (-1%) cui contribuisce principalmente il forte calo dei prezzi del settore coke e prodotti petroliferi raffinati, sul mercato interno e sul mercato estero area non euro; per gli altri settori manifatturieri, nella maggior parte dei casi, le variazioni sul mese precedente dei prezzi sono o negative, per quanto più contenute, o nulle.

E’ quanto fotografa l‘Istat sottolineando che anche su base annua, la discesa dei prezzi (-3,6%) – la più ampia da quasi quattro anni – è soprattutto dovuta al “drastico calo tendenziale dei prezzi dei prodotti petroliferi raffinati”. Per le costruzioni – aggiunge l’Istituto di statistica – le dinamiche annue dei prezzi alla produzione sono positive sia per edifici, in misura lieve, sia per strade”.

Sul mercato interno i prezzi alla produzione dell’industria segnano un calo congiunturale dell’1,3% e una flessione tendenziale del 4,9%. Al netto del comparto energetico, i prezzi alla produzione dell’industria non variano su base mensile mentre crescono dello 0,4% su base annua.

Sul mercato estero i prezzi alla produzione dell’industria diminuiscono dello 0,5% rispetto al mese precedente (variazione nulla per l’area euro, -0,8% per l’area non euro) e dello 0,1% rispetto a marzo 2019 (-0,3% per l’area euro, variazione nulla per l’area non euro).

Nel trimestre gennaio-marzo l’Istat stima un calo congiunturale dei prezzi alla produzione dell’industria dell’1% sul trimestre precedente; la dinamica congiunturale dei prezzi è negativa sul mercato interno (-1,2%) mentre resta invariata su quello estero.

Fra le attività manifatturiere, gli incrementi tendenziali più elevati si registrano sul mercato interno per industrie alimentari, bevande e tabacco (+2,4%), sul mercato estero per computer, prodotti di elettronica e ottica (+1,8% per l’area euro, +6,5% per l’area non euro). Drastici cali su base annua si rilevano per coke e prodotti petroliferi raffinati sul mercato interno (-17,8%) e sul mercato estero area non euro (-25,2%); ampie flessioni tendenziali, ma di minore entità, si riscontrano su tutti e tre i mercati per metallurgia e fabbricazione dei prodotti in metallo (-1,4% mercato interno, -3,2% area euro, -1,6% area non euro).

Nel mese di aprile – fa sapere l’Istat – la rilevazione dei prezzi alla produzione dell’industria ha registrato una riduzione del tasso di risposta delle imprese, conseguente all’emergenza sanitaria in corso. “Le azioni messe in atto per fare fronte a queste perturbazioni nella fase di raccolta dei dati – spiegano da Via Cesare Balbo – hanno consentito di elaborare e diffondere gli indici provvisori relativi al mese di marzo”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Industria, Istat: prezzi in caduta, minimi da 4 anni