Industria 4.0: aziende interessate ma frenate da costi e formazione

(Teleborsa) – Regna l’ottimismo tra i responsabili della produzione delle aziende che operano in Italia riguardo le tecnologie dell’industria 4.0. Il 90% degli intervistati si aspetta infatti una diminuzione dei costi tramite l’utilizzo di macchinari d’ultima generazione. Tuttavia, il processo di modernizzazione risulta frenato dalla mancanza di conoscenze e dai dubbi riguardo al percorso da intraprendere per implementare il cambiamento. Tra i punti chiave del processo di innovazione emerge la necessità di stringere collaborazioni con terze parti esperte. A renderlo noto è la ricerca elaborata da Shell Lubricants sullo sviluppo dell’industria 4.0 in Europa.

Secondo questa, ad oggi, il 94% dei responsabili d’acquisto italiani ha dichiarato di utilizzare almeno una tecnologia 4.0, contro una media europea dell’86%. Nello specifico l’Italia utilizza maggiormente le attrezzature autonome (60%), le tecnologie basate sui sensori (56%) e le attrezzature interconnesse – Internet of Things – (42%) mentre risulterebbero meno comuni le tecnologie basate sui Big Data (28%) e la robotica (22%).

Riferendosi all’industria 4.0, la motivazione preponderante per l’acquisto di nuove tecnologie è l’aspettativa di un incremento di produttività (50%). Nonostante questo incentivo sul futuro l’industria italiana continua a predilige un atteggiamento attendista e cauto pensando che, per il 64% degli intervistati, l’acquisto di macchinari 4.0 sia troppo oneroso. Oltre al costo dei macchinari, il vero blocco degli italiani è la difficoltà riscontrata dagli imprenditori nostrani nell’investire nel nuovo se le proprie attrezzature sono ancora operative e funzionanti (70%).

“Secondo i risultati della ricerca promossa da Shell Lubricants, una delle maggiori difficoltà per le aziende è la formazione del personale per l’utilizzo delle nuove tecnologie (58%), così come la mancanza di esperti fidati ai quali chiedere supporto (50%). E’ in questo contesto che Shell scende in campo mettendo a disposizione persone, prodotti e servizi per contribuire allo sviluppo del loro business in ottica 4.0”, ha commentato Roberto Paganuzzi Shell Technical Manager Europe.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Industria 4.0: aziende interessate ma frenate da costi e formazio...