In verde le Borse europee

(Teleborsa) – Bilancio positivo per i mercati finanziari del Vecchio Continente. Gli acquisti diffusi interessano anche il FTSE MIB, che si muove sulla stessa onda rialzista degli altri listini di Eurolandia, grazie al buon andamento dei titoli bancari dopo la promozione dell’EBA, e in vista della probabilità di un accordo in extremis sulla Brexit. Nel frattempo sulla piazza americana l’S&P-500 si muove poco sopra la parità dello 0,31%.

Sul mercato valutario, leggera crescita dell’Euro / Dollaro USA, che sale a quota 1,214. Scambia in retromarcia l’oro, che scivola a 1.823,9 dollari l’oncia. Giornata negativa per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua gli scambi a 46,18 dollari per barile, in calo dello 0,84%.

Lo Spread migliora, toccando i +112 punti base, con un calo di 3 punti base rispetto al valore precedente, con il rendimento del BTP decennale pari allo 0,51%.

Tra gli indici di Eurolandia ben comprata Francoforte, che segna un forte rialzo dello 0,83%, pensosa Londra, con un calo frazionale dello 0,23%. Composta Parigi, che cresce di un modesto +0,37%. Il listino milanese mostra un timido guadagno, con il FTSE MIB che sta mettendo a segno un +0,27%; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share fa un piccolo salto in avanti dello 0,54%, portandosi a 23.750 punti.

Automotive (+1,28%), sanitario (+1,14%) e servizi finanziari (+0,96%) in buona luce sul listino milanese.

Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori materie prime (-1,26%), immobiliare (-0,74%) e petrolio (-0,72%).

Tra i best performers di Milano, in evidenza Azimut (+2,53%), Interpump (+2,09%), Pirelli (+1,84%) e Recordati (+1,70%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Atlantia, che prosegue le contrattazioni a -6,24%.

Scivola Unicredit, con un netto svantaggio dell’1,66%.

In rosso ENI, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,48%.

Spicca la prestazione negativa di Leonardo, che scende dell’1,42%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Tinexta (+6,62%), Maire Tecnimont (+4,93%), Sesa (+4,74%) e Banca Farmafactoring (+2,99%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Saras, che ottiene -3,35%.

Vendite a piene mani su ASTM, che soffre un decremento del 2,56%.

Pessima performance per Carel Industries, che registra un ribasso del 2,54%.

Sessione nera per B.F, che lascia sul tappeto una perdita del 2,23%.

(Foto: © Federico Rostagno | 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

In verde le Borse europee