In rosso Milano e le altre Borse europee

(Teleborsa) – Seduta difficile per Piazza Affari, che scambia in netto calo, in accordo con gli altri Listini continentali, che accusano perdite consistenti. Sul sentiment degli investitori continuano a prevalere i timori di una seconda ondata di infezioni da coronavirus post lockdown, dopo i nuovi focolai emersi in Corea del Sud e Cina.

Pesano anche le dichiarazioni del presidente della Fed, Jerome Powell, che ha parlato di un percorso altamente incerto e soggetto a significativi rischi al ribasso.

Sul mercato valutario, stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,082. Sostanzialmente stabile l’oro, che continua la sessione sui livelli della vigilia a quota 1.717 dollari l’oncia. Sessione euforica per il greggio, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che mostra un balzo del 3,01%.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota +232 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,77%.

Nello scenario borsistico europeo vendite a piene mani su Francoforte, che soffre un decremento dell’1,59%, pessima performance per Londra, che registra un ribasso del 2,08%. Sessione nera per Parigi, che lascia sul tappeto una perdita dell’1,87%. Scambi in ribasso per la Borsa di Milano, che accusa una flessione dell’1,33% sul FTSE MIB.
A Piazza Affari non si salva alcun comparto.

Tra i peggiori della lista del listino azionario italiano, in maggior calo i comparti vendite al dettaglio (-1,95%), servizi finanziari (-1,64%) e beni industriali (-1,64%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Saipem (+2,12%) che festeggia i nuovi contratti in Nigeria annunciati la vigilia. Denaro anche su Juventus (+0,66%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Leonardo, che continua la seduta con -3,26%.

In caduta libera Nexi, che affonda del 3,20%.

Giù Exor, che segna una discesa di ben -2,07 punti percentuali.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Tod’s (+2,35%), Fincantieri (+2,21%), Danieli (+1,62%) e Brunello Cucinelli (+1,59%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su IMA, che ottiene -3,74%.

Seduta drammatica per Banca Mediolanum, che crolla del 3,60%.

Sensibili perdite per Technogym, in calo del 2,67%.

In apnea Anima Holding, che arretra del 2,64%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

In rosso Milano e le altre Borse europee