In rosso la Borsa americana. Pesano tensioni geopolitiche

(Teleborsa) – Partenza in calo per la borsa di Wall Street con il sentiment degli investitori appesantito dalle tensioni geopolitiche tra Stati Uniti e Russia.

Sulle prime rilevazioni, il Dow Jones sta lasciando sul parterre lo 0,77%; sulla stessa linea, in lieve calo lo S&P-500, che continua la giornata sotto la parità a 2.643,44 punti. In frazionale calo il Nasdaq 100 (-0,22%), come l’S&P 100 (-0,5%).

Gli investitori si muovono cauti anche dopo il dato sull’inflazione statunitense, cresciuto oltre attese, e in vista della diffusione in serata dei verbali relativi alla riunione della Fed di marzo.

Nell’S&P 500, non si salva alcun comparto. Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori Finanziario (-1,20%), Sanitario (-0,77%) e Telecomunicazioni (-0,73%).

In questa pessima giornata per la Borsa di New York, nessuna Blue Chip mette a segno una performance positiva. I più forti ribassi si verificano su Goldman Sachs, che continua la seduta con -2,39%. Sotto pressione Travelers Company, con un forte ribasso dell’1,40%.
Soffre Dowdupont, che evidenzia una perdita dell’1,31%. Preda dei venditori JP Morgan, con un decremento dell’1,31%.

Tra i best performers del Nasdaq 100, Marriott International (+2,14%), Ebay (+2,00%), Netflix (+1,67%) e Netease (+1,24%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Fastenal, che ottiene -3,80%. Si concentrano le vendite su Mercadolibre, che soffre un calo dell’1,50%. Vendite su Mylan, che registra un ribasso dell’1,30%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

In rosso la Borsa americana. Pesano tensioni geopolitiche