In rosso la Borsa americana

(Teleborsa) – Sessione in rosso per Wall Street che, a causa dei risultati negativi del settore manifatturiero a settembre – ai minimi da 10 anni per il secondo mese consecutivo – torna a vedere all’orizzonte la paura di un rallentamento dell’economia globale.

Il Dow Jones sta lasciando sul parterre l’1,19%; sulla stessa linea, vendite diffuse sullo S&P-500, che continua la giornata a 2.940,8 punti. In discesa il Nasdaq 100 (-0,89%), come l’S&P 100 (-1,1%).

Scivolano sul listino americano S&P 500 tutti i settori. Nella parte bassa della classifica dell’S&P 500, sensibili ribassi si manifestano nei comparti beni industriali (-2,34%), materiali (-2,18%) e energia (-2,04%).

Tra le migliori Blue Chip del Dow Jones, Visa (+1,15%) e Johnson & Johnson (+0,53%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Cisco Systems, che ottiene -3,71%.

Vendite a piene mani su 3M, che soffre un decremento del 3,49%.

Pessima performance per Caterpillar, che registra un ribasso del 2,79%.

Sessione nera per McDonald’s, che lascia sul tappeto una perdita del 2,56%.

Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Ulta Beauty (+5,03%), Ctrip.Com International Spon Each Rep (+1,40%), Tesla Motors (+0,91%) e Nvidia (+0,88%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Xilinx, che prosegue le contrattazioni a -4,89%.

In caduta libera Mylan, che affonda del 4,58%.

Pesante Fastenal, che segna una discesa di ben -3,84 punti percentuali.

Seduta drammatica per Biomarin Pharmaceutical, che crolla del 3,71%.

(Foto: © Frederic Prochasson | 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

In rosso la Borsa americana