In rosso il comparto finanziario in Italia (-1,36%)

(Teleborsa) – Giornata in scivolata per il settore finanziario italiano, che si muove peggio dell’andamento sulla parità dell’indice EURO STOXX.

Il FTSE Italia Financials ha chiuso a quota 11.689,49, in diminuzione dell’1,36% rispetto alla chiusura precedente. Sui livelli della vigilia invece l’indice che include i titoli europei a grande, media e bassa capitalizzazione che si ferma a quota 384,44.

Nel listino principale, giornata da dimenticare per Banca Generali, che archivia la sessione in forte flessione, mostrando una perdita del 2,63% sui valori precedenti.

Aggressivo ribasso per Unicredit, che flette in maniera scomposta, archiviando la sessione con una perdita del 2,61%.

Ribasso scomposto per Banco BPM, che archivia la sessione con una perdita secca del 2,24% sui valori precedenti.

Tra le mid-cap italiane, aggressivo avvitamento per Banca Ifis, che archivia la sessione in forte flessione, mostrando una perdita del 5,73% sui valori precedenti.

Chiusura in profondo rosso per Credem, che al termine della seduta esibisce una variazione percentuale negativa del 3,80%.

In forte ribasso Banca MPS, che chiude la seduta con un disastroso -2,71%.

Tra le small-cap di Milano, a picco PLC, che chiude gli scambi con un pessimo -3,65%.

Affonda sul mercato Aedes, che alla chiusura soffre con un calo del 3,28%.

Ribasso per Conafi, che chiude la seduta con una flessione dell’1,80%.

In rosso il comparto finanziario in Italia (-1,36%)