In ribasso la Borsa di Milano, seguita dagli altri mercati europei

(Teleborsa) – Piazza Affari e le altre borse europee chiudono in netto calo, con il nervosismo riacceso dal collasso dei prezzi del petrolio. Pressoché ignorato il recupero dell’indice ZEW, mentre si guarda con più preoccupazione al vertice europeo di giovedì prossimo. Nel frattempo, gli operatori restano attenti ad ogni indicazione sul prossimo riavvio delle attività economiche.

Sul mercato valutario, l’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,06%. L’Oro continua la seduta poco sotto la parità, con un calo dello 0,53%. Prevalgono le vendite sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua la giornata a 14,17 dollari per barile, in forte calo del 137,66%.

Pesante l’aumento dello spread, che si attesta a +264 punti base, con un deciso aumento di 26 punti base, mentre il BTP con scadenza 10 anni riporta un rendimento del 2,15%.

Nello scenario borsistico europeo pessima performance per Francoforte, che registra un ribasso del 3,99%. Sessione nera per Londra, che lascia sul tappeto una perdita del 2,96%. In caduta libera Parigi, che affonda del 3,77%. Pioggia di vendite sul listino milanese, che scambia con una pesante flessione del 3,59%.

A Piazza Affari non si salva alcun comparto. Tra i peggiori della lista del listino azionario italiano, in maggior calo i comparti tecnologia (-5,60%), materie prime (-4,92%) e petrolio (-4,62%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, tonica Juventus che evidenzia un bel vantaggio dell’1,77%.

In luce UnipolSai, con un ampio progresso dell’1,37%.

I più forti ribassi, invece, si verificano su STMicroelectronics, che continua la seduta con -6,61%.

Pesante Fineco, che segna una discesa di ben -6,53 punti percentuali.

Seduta drammatica per Ferragamo, che crolla del 5,87%.

Sensibili perdite per Leonardo, in calo del 5,72%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Piaggio (+9,48%), Fincantieri (+2,27%), IMA (+2,14%) e Carel Industries (+1,50%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Mediaset, che ottiene -5,20%.

In apnea Illimity Bank, che arretra del 4,87%.

Tonfo di Banca Ifis, che mostra una caduta del 4,82%.

Lettera su Banca Mediolanum, che registra un importante calo del 4,76%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

In ribasso la Borsa di Milano, seguita dagli altri mercati europei