Imprese, tempi biblici per fallire: fino a 15 anni al Sud!

(Teleborsa) – In Italia anche fallire può costare tempo e denaro, a svantaggio di chi fa impresa e, in generale, dell’intera economia nazionale.

Secondo un’analisi di Unimpresa basata su dati della Banca d’Italia e del ministero della Giustizia, riferiti al 2015, l’intero iter di fallimento di una impresa nel Sud Italia e nelle isole dura in media circa 4.800 giorni, con picchi che raggiungono anche 5.500 giorni, ossia 15 anni.

Nelle regioni del Centro, invece, i giorni necessari calano a 3.500 (con picchi che arrivano a 4.100), mentre al Nord la media di 2.800 giorni (che diventano al massimo 3.800).

Non va molto meglio alle procedure esecutive immobiliari, ovvero una delle principali attività necessarie al recupero crediti: al Mezzogiorni e nelle Isole si registrano tempi pedi pari a 2.750 giorni (ma si arriva fino a 3.250); nelle zone centrali del Paese, invece, le esecuzioni immobiliari comportano un iter che dura 1.700 giorni (si arriva fino a 2.100), mentre al Nord si cala a 1.200 giorni (al massimo 1.500).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Imprese, tempi biblici per fallire: fino a 15 anni al Sud!