Imprenditrici italiane al top in UE. Meglio di Regno Unito e Germania

(Teleborsa) – Sono oltre 1,7 milioni le donne che svolgono attività indipendenti. L’Italia registra un record in Europa visto che, tra imprenditrici e lavoratrici autonome, il Regno Unito si ferma a quota 1,5 milioni e la Germania a 1,3 milioni.

E’ la fotografia scattata dall’Osservatorio sull’imprenditoria femminile presentato alla convention di Donne impresa Confartigianato. A guidare la crescita, sono le imprenditrici artigiane, aumentate dell’1,9% negli ultimi 10 anni. Si tratta di esercito di circa 350 mila donne, con una presenza prevalente in Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Piemonte e Toscana.

Il rapporto, rileva tuttavia che le imprenditrici devono fare i conti con un welfare che non aiuta le donne italiane a conciliare il lavoro con la cura della famiglia. Secondo l’Osservatorio, gli enti locali i comuni dedicano agli asili nido il 41% della spesa per famiglie e minori. Ma l’utilizzo di queste strutture è molto basso: a livello nazionale soltanto l’11,9% dei bambini fino a 2 anni ha usufruito di asili nido comunali. E il loro costo, pari in media a 1.459 euro annui per famiglia è quello che incide di più (32,7%) sulla spesa complessiva delle famiglie per tributi e servizi locali.

Tutto ciò a ripercussioni sul mercato del lavoro femminile: il tasso di occupazione delle donne senza figli è pari al 55,5%, ma scende al 52,8% per le donne con figli.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Imprenditrici italiane al top in UE. Meglio di Regno Unito e Germania