IMA, ricavi in salita nei nove mesi

(Teleborsa) – IMA ha pubblicato i risultati dei primi nove mesi dell’anno che si sono chiusi con ricavi in crescita a 953,6 milioni (+9% a/a).

L’EBIDTA sale e 116,7 milioni in crescita del 17,6% rispetto ai 99,2 milioni dei primi nove mesi 2016.

L’EBIT è pari a 87,3 milioni, in rialzo del 21,6% dai 71,8 milioni dello stesso periodo 2016. L’utile ante imposte è a 77,2 milioni, in calo del 7,5%. Il Gruppo sottolinea che l’esercizio 2016 ha beneficiato di un provento finanziario straordinario. Al netto dello stesso l’utile ante imposte dei primi 9 mesi 2017 sarebbe superiore di oltre 12 milioni rispetto a quello dell’anno precedente.

Il portafoglio consolidato cresce del 5,3% a 923,3 milioni, beneficiando della finalizzazione di numerose trattative nelle varie linee di business della società.

L’indebitamento finanziario netto ammonta a 292,4 milioni, e si confronta col dato al 30 settembre 2016 (237,3 milioni). Il dato include il pagamento di 55 milioni per l’acquisizione di IMA MAI, Mapster, Eurosicma, saldo prezzo Medtech e per l’acquisizione della minoranza di Atop. L’indebitamento non riflette invece l’incasso di 104 milioni derivante dalla quotazione della controllata GIMA TT in data 2 ottobre di quest’anno.

Per il 2017 il management si attende ricavi superiori a 1,4 miliardi ed EBIDTA intorno ai 210 milioni.

 A Piazza Affari, IMA sale dell’1,68%.

IMA, ricavi in salita nei nove mesi
IMA, ricavi in salita nei nove mesi