Ilva: OK di ArcelorMittal alle richieste dei Commissari

(Teleborsa) – Fumata bianca per l’Ilva da parte di ArcelorMittal che ha informato i Commissari straordinari del gruppo siderurgico che “accetta tutte le richieste sostanziali di ulteriori impegni riguardo al contratto di affitto e acquisto firmato nel giugno 2017“, precisando che “confida che questi impegni aggiuntivi evidenzino al Governo e agli altri stakeholder nazionali e locali interessati il suo pieno impegno per una gestione responsabile di Ilva“. 

ArcelorMittal rimane fiduciosa che, con il supporto del Governo, sarà ora possibile finalizzare nei prossimi giorni l’accordo con i sindacati in modo da poter completare rapidamente operazione”. Il colosso dell’acciaio vuole “mettere in atto il suo programma di turnaround nel più breve tempo possibile in modo da assicurare un futuro sostenibile per Ilva, i suoi lavoratori, i suoi fornitori, i suoi clienti industriali e, nello stesso tempo, la tutela dell’ambiente e il benessere delle comunità locali”. 

“Analizzeremo le controproposte, comunque vado avanti con gli accertamenti dopo le criticità sollevate dall’ANAC. Sia chiaro che le due cose vanno insieme”, ha detto il vicepremier Luigi Di Maio ribadendo. “Stiamo affidando la più grande acciaieria d’Europa che ha avuto un impatto devastante sulla salute e questo lo dobbiamo evitare”, ha aggiunto. “Per evitarlo c’è bisogno di una gara fatta bene”.

Il segretario generale della Uilm, Rocco Palombella ha dichiarato: “Prendiamo atto che ArcelorMittal ha informato i commissari di aver accettato tutte le richieste di ulteriori impegni sul piano ambientale di Ilva e migliorato le condizioni sui livelli occupazionali. Diventa indispensabile a questo punto, prima del giudizio del Governo, conoscere le proposte formulate da Mittal”. Commentando l’annuncio della multinazionale dell’acciaio, Palobella ha aggiunto: “Vogliamo evitare ancora una volta di trovarci di fronte ad accordi bilaterali, come con il vecchio Governo e vogliamo realizzare un vero confronto per quanto riguarda il piano industriale e soprattutto avere una soluzione occupazionale per tutti i 14mila lavoratori. Nessun esubero abbiamo detto al ministro Calenda e nessun esubero confermiamo al ministro Di Maio. Inoltre vogliamo conoscere nel dettaglio anche le migliorie sul piano ambientale che sono determinanti al fine della positiva conclusione del confronto. Per tutte queste ragioni urge un incontro sindacale”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ilva: OK di ArcelorMittal alle richieste dei Commissari