Ilva, le BEI valuta il finanziamento del piano di rilancio industriale

(Teleborsa) – Futuro sempre più incerto per l’Ilva di Taranto dopo le parole pronunciate dal Ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio. Resta infatti ancora da capire se si procederà ad una riqualificazione o ad un definitivo smantellamento degli impianti di produzione. Nel complesso quadro creatosi, dopo il botta e risposta tra Di Maio stesso ed il suo predecessore al ministero Carlo Calenda, la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) sarebbe pronta a valutare il finanziamento del piano di rilancio industriale e ambientale dell’Ilva.

“Dobbiamo prima attendere di vedere come va a finire la questione della proprietà”, ha precisato però Dario Scannapieco, vicepresidente della BEI, nel corso di un’intervista a La Stampa. “Quando ci sara’ chiarezza siamo disponibili a sederci con gli amministratori e vedere che si può fare“. “L’Ilva è il secondo datore di lavoro del Sud dopo lo Stato e la nostra istituzione è nata pensando al Mezzogiorno: per ragioni etiche, morali e storiche non possiamo mancare la partita”, ha continuato Scannapieco , precisando che “gli impianti, secondo i nostri ingegneri che li hanno visitati, sono di qualità e dobbiamo aspettare di vedere come va a finire sulla proprietà per avere maggiore chiarezza”.

Il vicepresidente ha concluso puntualizzando come la BEI “può finanziare al massimo il 50% di un progetto, in programmi di investimenti pluriennali, se ci sono carte e programmi leggibili. Quando ci sarà il piano cercheremo di massimizzare l’impatto”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ilva, le BEI valuta il finanziamento del piano di rilancio industriale