Il settore automotive dell’Italia si è mosso verso il basso (-1,79%). In calo FCA

(Teleborsa) – Andamento depresso per il comparto italiano auto e ricambi. Un andamento che non sorprende dopo il netto calo registrato dall’EURO STOXX Automobiles & Parts. Il comparto è stato penalizzato dalla guerra dei daziche gli Stati Uniti stanno portando avanti. 
Il FTSE Italia Automobiles & Parts ha chiuso la giornata a quota 201.588,91, perdendo 3.672,11 punti rispetto alla chiusura precedente. Rosso profondo anche per l’indice europeo del settore auto e ricambi che scivola a quota 513,99, dopo un avvio di sessione a 521,18.

Tra le azioni più importanti dell’indice automotive di Milano, chiusura in profondo rosso per Pirelli, che al termine della seduta esibisce una variazione percentuale negativa del 4,65%.

In forte ribasso Brembo che chiude la seduta con un disastroso -2,46%.

Seduta negativa per Fiat Chrysler che chiude le contrattazioni con una perdita dell’1,91%.

Tra i titoli a media capitalizzazione del comparto automotive, a picco CIR che chiude gli scambi con un pessimo -2,02%.

Tra i titoli a bassa capitalizzazione dell’indice automotive, affonda sul mercato Sogefi che alla chiusura soffre con un calo del 4,93%.

Seduta molto negativa per Immsi che ha perso terreno, mostrando una discesa del 4,53%.

Giornata da dimenticare per Pininfarina, che archivia la sessione in forte flessione, mostrando una perdita del 2,53% sui valori precedenti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il settore automotive dell’Italia si è mosso verso il basso (-1...