Il punto sulle commodities 13 gennaio 2020

(Teleborsa) – Ribasso scomposto per il petrolio, che archivia la settimana con una perdita secca del 5,96%. Analizzando lo scenario del petrolio si evidenzia un ampliamento della fase ribassista al test del supporto 57,64. Prima resistenza a 61,69. Le attese sono per un prolungamento della linea negativa verso nuovi minimi a 56,29.

Affonda sul mercato la benzina verde, che a fine settimana soffre con un calo del 5,21%. Lo scenario di breve periodo della benzina verde evidenzia un declino dei corsi verso area 1,621 con prima area di resistenza vista a 1,726. Le attese sono per un ampliamento della fase negativa verso il supporto visto a 1,582.

Protagonista il Future sul Natural Gas, che ha chiuso la settimana con un rialzo del 4,40%. Per il medio periodo, le implicazioni tecniche assunte del Future sul Natural Gas restano ancora lette in chiave negativa. Qualche segnale di miglioramento emerge nel breve periodo, letto attraverso gli indicatori più veloci.

Apprezzabile rialzo per il grano, in guadagno dell’1,44%, rispetto alla scorsa settimana La tendenza di breve del grano è in rafforzamento con area di resistenza vista a 569,33, mentre il supporto più immediato si intravede a 554,83. Attesa una continuazione al rialzo verso quota 583,83.

Composto ribasso per il mais, in flessione dello 0,71% sui valori della settimana precedente. Le implicazioni tecniche assunte evidenziano uno status tecnico moderatamente positivo con 389,08 a svolgere ruolo di resistenza e 382,42 a contenere eventuali attacchi ribassisti.

Andamento piatto per il riso grezzo, che propone sul finale di settimana un moderato +0,19%. Segnali di rafforzamento per la tendenza di breve con resistenza più immediata vista a 13,16, con un livello di supporto a controllo della fase attuale stimato a 12,9. Attesa una continuazione al rialzo verso quota 13,42.

Controllato progresso per il metallo giallo, che chiude la settimana in salita dello 0,64%. La tendenza di breve dell’oro è in rafforzamento con area di resistenza vista a 1.573,52, mentre il supporto più immediato si intravede a 1.551,42. Attesa una continuazione al rialzo verso quota 1.595,62.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il punto sulle commodities 13 gennaio 2020