Il punto sulle commodities 12 luglio 2021

(Teleborsa) – Debole la settimana per l’oro nero che, a fine settimana, porta a casa un calo dello 0,63%. Le implicazioni di breve periodo del petrolio sottolineano l’evoluzione della fase positiva al test dell’area di resistenza 76,57. Possibile una discesa fino al bottom 72,43. Ci si attende un rafforzamento della curva al test di nuovi target 80,71.

Performance infelice per la benzina verde, che chiude la settimana con una performance dello 0,58%. La tendenza di breve del carburante è in rafforzamento con area di resistenza vista a 2,333, mentre il supporto più immediato si intravede a 2,223. Attesa una continuazione al rialzo verso quota 2,443.

Andamento annoiato per il Future sul Natural Gas, che chiude la settimana in ribasso dello 0,65%. La tendenza di breve del derivato sul Gas è in miglioramento, con area di resistenza vista a quota 3,777. A livello tecnico ci si attende un allargamento della scia rialzista verso l’area di resistenza individuata in area 3,976.

Ribasso scomposto per il grano, che archivia la settimana con una perdita secca del 6,05%. Analizzando lo scenario del frumento si evidenzia un ampliamento della fase ribassista al test del supporto 592,25. Prima resistenza a 631,25. Le attese sono per un prolungamento della linea negativa verso nuovi minimi a 579,25.

Settimana molto negativa per il derivato sul mais, che perde terreno, mostrando una discesa del 9,49%. Lo scenario di breve periodo del mais evidenzia un declino dei corsi verso area 602,67 con prima area di resistenza vista a 668,17. Le attese sono per un ampliamento della fase negativa verso il supporto visto a 580,83.

Ribasso scomposto per la Soia, che archivia la settimana con una perdita secca del 3,29%. La tendenza di medio periodo della Soia si conferma negativa. Al contrario, nel breve termine, si evidenzia un miglioramento rialzista che potrebbe raggiungere la resistenza vista a quota 1.448 prima e 1.535,25 dopo.

Balza in avanti l’oro, che amplia la performance positiva con un incremento dell’1,15%. La situazione di medio periodo del metallo prezioso resta tendenzialmente ribassista. Tuttavia, esaminando il grafico a breve, sarebbe lecito iniziare a dubitare della possibilità della fase ribassista di estendere.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il punto sulle commodities 12 luglio 2021