Il presidente cinese Xi Jinping chiede aiuto a ex CEO Starbucks per migliorare relazioni con USA

(Teleborsa) – Il presidente cinese Xi Jinping ha chiesto aiuto a Howard Schultz, ex CEO di Starbucks, affinchè lo aiuti a migliorare le relazioni tra Cina e Stati Uniti, dopo gli anni burrascosi della presidenza Trump, in cui i due Paesi si sono scontrati con una guerra tariffaria e con imposizioni di restrizioni sulle aziende tecnologiche, soprattutto da parte statunitense.

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa governativa Xinhua, Xi ha scritto a Schultz “per incoraggiare lui e Starbucks a continuare a svolgere un ruolo attivo nella promozione della cooperazione economica e commerciale tra Cina e Stati Uniti e nello sviluppo di relazioni bilaterali”. Il testo completo della lettera non è stato divulgato.

Xinhua non ha spiegato se la lettera entra in una più ampia campagna di persuasione di grandi aziende statunitensi in vista dell’insediamento del nuovo presidente, Joe Biden, ma ha detto che Xi stava rispondendo a una lettera di Schultz che si congratulava con il leader cinese per “il completamento di una società benestante” sotto la sua guida.

Howard Schultz ha aperto il primo negozio Starbucks in Cina nel 1999 ed è stato un frequente visitato del Paese da allora. Sotto la sua guida (è stato CEO fino al 2017), la Cina è diventata il più grande mercato di Starbucks al di fuori degli Stati Uniti, con più di 4.700 negozi e 58.000 dipendenti in quasi 190 città.

(Foto: © Sattapapan / 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il presidente cinese Xi Jinping chiede aiuto a ex CEO Starbucks per mi...