Il possibile rialzo dei tassi paralizza Wall Street

(Teleborsa) – Partenza poco mossa per Wall Street, che tenta di digerire quanto emerso dai Verbali del FOMC.

La stretta sui tassi di interesse già dal mese prossimo, ossia in occasione del meeting di politica monetaria del 15 e 16 dicembre, appare infatti sempre più probabile. I banchieri hanno infatti espresso parere unanime circa un aumento dei tassi di interesse prima della fine dell’anno, grazie soprattutto all’attuale momento positivo dell’economia americana.

Momento confermato oggi dalla discesa dei sussidi alla disoccupazione e dal ritorno in territorio positivo dell’indice Fed di Philadelphia.

Sulle prime battute, il Dow Jones lima lo 0,29% a 17.682 punti, interrompendo la scia rialzista innescata lunedì scorso. Poco mossi l’indice S&P-500, che resta inchiodato a 2.084 punti, il Nasdaq 100 e l’S&P 100.

Tra le Blue Chip del Dow Jones da segnalare il crollo di United Health. Il colosso delle assicurazioni ha tagliato le stime sugli utili in scia agli effetti della riforma sanitaria voluta da Obama.

Il possibile rialzo dei tassi paralizza Wall Street